• Italiano

Trattoria Cerri - Locale Storico

La Trattoria Cerri è un esercizio commerciale di somministrazione di alimenti e bevande che si trova in P.za Giovanni XXIII, 3 (ex Piazza Vecchio Ospedale) nel cuore di Cremona a due passi dal Torrazzo.
Le prime testimonianze del locale risalgono all'inizio del XX sec.
Le caratteristiche dell'attività sono rimaste invariate nel tempo, pur con le diverse gestioni che si sono succedute nel tempo,
Gestione dei Fratelli Quarantani dal 1912 al 1923
L'osteria era un punto di riferimento per la gente che dalla campagna arrivava in città a far visita ai parenti del Vecchio Ospedale che si trovava nella piazza da cui prende il nome.
Vicino all'osteria, il rustico che fa parte dell'attuale edificio era adibito a deposito per carrozze. I segni di questa gestione sono tuttora presenti, i 5 tavoli di legno di noce del 1912 si trovano ancora nel bar.
Gestione Bertoglio dal 1923 al 1929.
La gestione dei fratelli Quarantani passa al termine della Prima Guerra Mondiale alla famiglia Bertoglio che gestirà il locale per circa 7 anni. Anche questa gestione mantiene gli arredi e la stessa attività commerciale.
Gestione Cerri, dal 1929 al 1937
La Famiglia Cerri, che gestisce ancor oggi il locale, subentra alla famiglia Bertoglio. La licenza di locale per la somministrazione ai alimenti e bevande era intestata a Cerri Giuseppe padre di due figli Mario e Luigi. In questi anni sarà il primogenito Mario a gestire quotidianamente l'attività. In questi anni il deposito per carrozze si trasforma in ricovero di biciclette.
Gestione Cerri, dal 1937 al 1954
A supporto del fratello più anziano subentra nella gestione Cerri Luigi che gestirà insieme alla moglie Walda Marini l'attività commerciale. L'attività segue l'evoluzione dei tempi e da mera osteria amplia la sua offerta diventando anche gelateria (dal 1951 al 1971) e locale di servizio per l'Ospedale. Con questa gestione si affianca alla somministrazione di alimenti la produzione del vino (malvasia) già dall'annata 1938 che renderà famoso il locale. In questi anni la trattoria, godendo della vicinanza dell'ospedale, diventa il punto di riferimento di medici, infermieri e donatori Avis. Il pavimento delle sale risale a questo periodo.
Gestione Cerri, dal 1954 al 1993
Rimasta vedova Walda Marini prosegue l'attività con i figli Mario, Giacomo e Giulia sino all'inizio degli anni Novanta. Alla fine degli anni '60 i figli Mario e Giacomo si sposano e coinvolgono anche le rispettive mogli nell'attività di famiglia. Nel 1979 l'esercizio ottiene l'attuale licenza rilasciata a Marini Walda per "il pubblico esercizio (caffè e trattoria), autorizzazione alla vendita di superalcolici, licenza di giochi leciti e alla detenzione di un apparecchio televisivo". Il bancone del bar ancor oggi presente risale al 1973.
Gestione Cerri, dal 1993 ad oggi
Alla morte di Walda Marini i figli mantengono l'attività che prenderà l'attuale nome di Trattoria Cerri di Giacomo Cerri. Dal 1994 il figlio di Giacomo, Fabio è coinvolto nell'attività di famiglia.
Il locale di 329 mq. è ricavato da un edificio di cui si hanno testimonianze nei primi anni del XVII secolo adibito a convento di una congregazione di frati facenti capo alla chiesa adiacente di San Siro, ora di San Sepolcro. L'edificio è formato da ampi locali con due cortili interni e mantiene ancora alcuni elementi distintivi quali colonne e nicchie in cotto visibili nel cortile. Gli arredi interni mantengono le caratteristiche delle osterie tipiche della Pianura Padana con tavoloni in noce e rivestimenti in legno alle pareti. Il bancone di mescita e le relative mensole per gli alcolici sono dei primi anni '70.
Le due sale, recentemente ristrutturate, mantengono lo stile della tradizionale trattoria cremonese con pavimentazione originale degli anni '30.

Il locale gode di fama nella provincia e fuori grazie alla qualità della cucina tipica cremonese e alla cordialità della famiglia Cerri che si sono mantenute negli anni. Il locale, che si trova di fronte al Centro Culturale S. Maria della Pietà, è sin dagli anni '80 un punto di riferimento, oltre che per la clientela cremonese, per i visitatori provenienti dalle province limitrofe attratti dalle mostre organizzate dal suddetto centro.

Nella primavera del 1971 la Trattoria riceve il riconoscimento, targa in rame appesa in una delle sale, dall'Associazione Amici della Cucina Cremonese.
Nell'aprile del 1982 Walda Marini viene insignita dell'onorificenza di Maestro del Commercio per aver operato nel settore commerciale per più di 40 anni, rilasciata dalla Confederazione Generale Italiana del Commercio e del Turismo. Nello stesso anno la titolare riceve il premio Rosa Camusa rilasciato dalla Regione Lombardia.
Nel 1985 gli Amici della Cucina Cremonese a riconoscimento dell'attività mantenuta confermano la loro preferenza consegnando alla Famiglia Cerri una targa in cotto oggi affissa nella facciata.

Indirizzo: 
Piazza Giovanni XXIII 3, Cremona